martedì 6 novembre 2012

Micromegafavoletta, di Sergio Sozi


                                                                    Foto da web


Micromegafavoletta

di Sergio Sozi

Il mio paese si chiama Nariciopoli, ed è cosí minuscolo che sta interamente in un vaso di palmette e mandarini nani, messo in un terrazzo insieme ad altri vasi. Quando piove, o il gigantesco dio dà acqua alle ''sue'' piante, sotto le nostre abitazioni si creano diversi fiumiciattoli e tutti ci fanno il bagno, me compreso che sarei il poeta ufficiale (ai poeti è vietato lavarsi col sapone, però possono divertirsi a nuotare con i bambini). D'estate la temperatura è mite e a novembre finiamo sulle scale del palazzo, dove non si gela anche se fuori nevica.

Insomma, è un posticino confortevole e a viverci siamo il numero giusto, ma frenate la curiosità e non sprecate energie nel cercarlo, perché è invisibile agli estranei (per via di un antico incantesimo, Nariciopoli può essere soltanto sognata ed esclusivamente dai minori di diciotto anni).

Le nostre case sono alte come nasetti di neonati e ne hanno anche la forma, se non il colore: ce ne sono di rosso pomodoro e di verde fondale marino, di giallo zafferano e di azzurro bibita (sí: a Nariciopoli le bevande gassate sono rigorosamente azzurre, ecco perché nessuno le consuma e le usiamo per fare i pediluvi).

Oltre al capotribú, abbiamo soltanto un altro personaggio importante, ed è quel che comunemente vien definito un ''ladro'', a vederlo manco troppo distinto: calzamaglia nera che ne riveste l'agile corpo, guanti di velluto viola, scarpe da tennis e sguardo acuto. Berretto a nasetto, che fa anche rima.

Di costui vale la pena di parlarne, perché è un tipo speciale.

Non è attratto da ori, argenti e rubini. E nemmeno da preziosi vasi a figure rosse su sfondo nero, risalenti all'antica Grecia. Se poi, casualmente, egli trovasse un portafogli pieno di banconote nel giardino pubblico, lo scanserebbe con un piede protestando disgustato: «Ma chi è che insozza l'erba?!».

Un'unica cosa lo fa impazzire: i piccoli nasi. Ed appunto, si tratta del celebre Ladro di Nasetti. Sin dalla notte dei tempi è cosí: il padre, il nonno, tutti i suoi antenati svolgevano la stessa attività professionale; tanto che, insisti insisti, sono diventati aristocratici, con il di nobiliare, le iniziali maiuscole ed un modesto ma ridente feudo, con villa a naso di dea egizia.

Questo, in un panorama tanto normale, vi sembrerà un particolare strano.

Allora spieghiamone i motivi.

Qui i nasetti non solamente li portiamo in giro noi, attaccati in faccia tra due occhi e sopra una bocca, ma crescono dappertutto in terra, meglio se all'ombra e in zona umida riparata dai venti. E-sat-ta-men-te come i funghi. Basta raccoglierne uno, staccarsi il proprio e sostituirlo. Cosí la gente non si stanca mai di guardarsi allo specchio. Però, spesso accade che uno non si riconosca, la mattina appena sveglio, in bagno: «Ma chi è 'sto mostro con una banana piantata in faccia?!». E pianti, strilli, mariti arrabbiati e mogli inviperite:

«Ma come hai fatto, Gino, a farti un naso a patata? Ripristina quanto prima la melanzana che avevi ieri!»

«Magari! Chissà dove sarà finita, ormai».

Eccetera ecceterona, potrete immaginare da soli le scene.

Ebbene, il Ladro di Nasetti è un nostro benemerito concittadino, in possesso di strabilianti poteri che lo rendono capace di fare ordine: restituire a Tizio il naso che era finito a Caio e a Caio il proprio che aveva messo le radici sotto una quercia, e cosí via. Li ritrova tutti. E solo quando ha proprio fame, se ne mangia qualcuno in salmí o lesso.

Inoltre, siccome noi nariciopolitani non amiamo visitare altri vasi (non si sa mai che ceffi possano girarci!), il Signor Ladro è anche l'unico a viaggiare, quando senta l'esigenza di un import-export di materia prima, cioè, manco a dirlo, di nasetti. E...

        ...e laddove gli capitasse di trovarsi coinvolto in storie particolari, lui, appena tornato in patria, cosa fa?

Ovvio, amici miei: riunisce l'intero villaggio in piazza San Fazzoletto di Seta e ce le racconta, meglio se davanti a un bel piatto di nasetti farciti alla cacciatora, innaffiati da Vino di Nuvole invecchiato. Eccovi dunque una sua avventura, risalente a diverso tempo fa (ma non saprei a quando, perché qui non ci sono segnatempo e calendari, solo albe e tramonti che nessuno conta).

Il Ladro, quella buia e tempestosa notte di un turbolento inverno, valicando alti muri di coccio e sconfinati deserti piastrellosi, era finito in un luogo davvero lontano, sconosciuto ed elevato. Sfinito per la fatica, s'era sdraiato su un ramo e stava osservando un'enorme oliva nera pendente là vicino, quando aveva sentito una vocina:

«Chi sei, che vuoi, cosa fai?»

Sembrava gentile.

Dunque: «Sono il Ladro di Nasetti» aveva risposto «e vengo da Nariciopoli. Per caso vi serve la mia opera?»

«Qui sul Monte Olivo, noi formiche nerazzurre avremmo bisogno solo di un cuor di leone, capace di cambiare il naso al Grande Porco mentre dorme».

«Perché, forse costui non lo vuole, un grugno nuovo? Lo migliorerebbe esteticamente, a quel che ne so di tale razza».

«Aspetta. Quello è un vero dittatore e noi formiche, per portargli a domicilio il cibo, lavoriamo senza requie. Siccome una volta gli abbiamo chiesto di lasciarci riposare almeno a turno, ridendo ci ha risposto cosí: Se qualcuno riuscirà a trasformarmi il muso senza che io me ne accorga, vi concederò delle vacanze piacevoli come quelle delle cicale; ma attenzione: divorerei in un boccone chiunque nel farlo osasse svegliarmi. Allora, amico, vuoi provarci? Saresti il primo».

La sfida era ardua, perché i poteri anestetizzanti di cui era dotato il Ladro, fuori Nariciopoli, non avevano alcuna efficacia. Eppure con un furbo sorrisetto il nostro eroe annuí, decidendo di agire subito. Gli era balenata in testa un'idea che, con un pizzico di buona sorte, avrebbe potuto funzionare.

In breve, giunto sotto al cupo palazzo del Porco dormiente, vi notò in alto una finestra aperta e cominciò, saltellando come suo solito, ad arrampicarsi per raggiungerla. Felpatamente, passando di grondaia in cornicione e di cornicione in balconcino, quando infine fu dentro non poté rinunciare ad esalare un sospiro di stupore: si trovava in un salone vastissimo, deserto e illuminato a giorno da molti lampadari e candelabri. Dovunque, mobili dorati, lussuose poltrone ed enormi quadri. Al centro, un lungo tavolo apparecchiato per una persona.

Il minuscolo Ladro, superata la prima soggezione, prese ad andarsene a zonzo come un topo per le altre, numerose, stanze: sapeva cosa cercare. E quel che cercava, concluse terminato il giro, per fortuna lí non c'era... neanche nei bagni. Cosí, rincuorato, penetrò nella tenebrosa camera da letto del padrone di casa: il Porco, davanti a lui, era una montagna che russava da far tremare il pavimento.

«È buio, qui, fatti vedere!» Urlò il Ladro con quanto fiato aveva in gola.

Il Porco, sicuro di sé, senza neanche levarsi dal giaciglio accese il fievole lume del comodino:

«Dove sei, screanzato?» Grufola stropicciandosi gli occhietti assonnati.

«Vedi? Sono questo mostro tremendo. E se non fai quel che ti comando, di' le tue ultime preghiere», rispose il Ladro in tono minaccioso.

Il Porco a quel punto rantolò per lo spavento: davanti a sé poteva vedere solo un orribile mostro, ancor piú spaventoso a causa della semioscurità in cui era immerso.

«Ordina, sarà subito fatto!» Implorò.

«Giura solennemente che permetterai alle formiche del tuo regno di riposare tutte le notti!»

«Lo giuro!»

«Bene, forse ti risparmio la vita. Adesso giura che domani mattina manderai un banditore su tutte le strade della città, a proclamare questa tua decisione!»

«Giuro anche questo».

«Bene. Ora spegni il lume e dormi. Qualunque cosa ti succeda, non osar muovere un muscolo o aprire gli occhi. E ricordati che se mi disubbidisci, torno qui e ti riduco in prosciutti e salami».

La luce fu spenta. Cosí il nostro eroe si nascose sotto il letto, attese che il maiale si riassopisse, tornò sopra il materasso e scambiò il grugno grigio del Re con un bel muso rosa. Poi lasciò palazzo e reame e non vi tornò mai piú.

Be', volete sapere chi aveva visto il Porco di tanto terrorizzante quella notte?

Solamente la sua faccia, riflessa nello specchietto che il Ladro aveva portato con sé, immaginando (come in realtà fu) di non trovarne alcuno nella reggia.

 

15 commenti:

  1. Molto divertente. La racconterò ai miei nipotini.

    Agnese Addari

    RispondiElimina
  2. Salve a tutti, sono l'autore,Sozi.
    Vorrei ringraziare Renzo per la pubblicazione, tutti voi per la lettura e la signora Addari per il suo proposito di inserire il racconto nella ''tradizione orale'' - unico vero modo per uno scrittore di divenire immortale...
    Salutoni
    Sergio Sozi

    RispondiElimina
  3. Ah ah ah! Divertentissima, quasi un cartone animato.

    Stefano

    RispondiElimina
  4. Ho letto il racconto con piacere. Mi sono davvero divertito.
    Ne emerge che la violenza dei forti si possa dominare con l'astuzia dell'intelletto.
    Saluti da
    Lorenzo

    RispondiElimina
  5. Grazie anche a Stefano e Lorenzo (Russo?). Non so cosa emerga dal mio raccontino: io ho solo voluto divertirmi un po' coi meccanismi fiabeschi tradizionali dopo aver letto integralmente le ''Fiabe italiane'' di Italo Calvino... mea maxima culpa... eh eh eh...

    Saluti cari
    Sozi

    RispondiElimina
  6. Proprio carina. Leggendo, sembra di sentirla raccontare oralmente. Buon segno! Piacerà ai figli dell'autore, agli altri ragazzini e, perché no, anche agli adulti.

    franca

    RispondiElimina
  7. Divertente e leggera.

    Sandro Ravazza

    RispondiElimina
  8. Sono una nonna e l'ho letta al mio nipotino di 4 anni. Ci siamo divertiti tutti e due.

    Luciana

    RispondiElimina
  9. Ulteriori ringraziamenti ai benemeriti signori Franca, Sandro Ravazza e Luciana.
    Confermo il divertimento di mia figlia - novenne - e aggiungo di avere altre favole nel cassetto. In attesa di pubblicazione? Sperem...

    RispondiElimina
  10. Graziosa, la favoletta.
    La creatività dell'autore Sergio non trova limiti.
    Cordilmente, A. Bertoli

    RispondiElimina
  11. Grazie anche a Lei di cuore, sig. Bertoli.

    RispondiElimina
  12. Una favola accattivante, capace di coinvolgere anche gli adulti. In effetti, dietro i personaggi fantasiosi del racconto ci siamo noi, gli umani, c'è il "cattivo", con un aspetto naturalmente sgradevole ed un atteggiamento che allontana, c'è il ladro "buono" e piccolo che ha comunque il coraggio di sfidarlo, e lo fa usando la furbizia. E ci sono i tanti minuscoli abitanti di minuscoli paesi che si muovono dentro il racconto con vivacità.
    Dopo la lettura si fatica un istante nel tornare alla realtà.
    Grazie.

    Piera

    RispondiElimina
  13. Cara Piera,
    vivere nella realta' e' cosa che dipende da ognuno di noi: c'e' chi ci sta in un modo, chi in un altro, chi poco, chi niente, chi troppo. Non esiste una dittatura della realta', per fortuna. Come starci - e se starci - dipende da noi, dalle nostre fantasia, indole, volonta', determinazione.

    Salutoni
    Sergio Sozi

    RispondiElimina
  14. GRazie della segnalazione, Sergio! Complimenti, un bel testo!
    Alfonso Lentini

    RispondiElimina
  15. Grazie a te, Alfonso.
    Abbraccio
    Sergio

    RispondiElimina