giovedì 29 marzo 2012

La tempesta non conta i suoi morti, di Cristina Bove




Cristina…omerica.



La tempesta non conta i suoi morti

di Cristina Bove



Videro fuochi di sant Elmo
aprire il nero come fosse un foglio
un mare obliquo
mare
mare
mare!

navigavano vene da contratto
senza diritto di mugugno
ma d’inventarsi un cielo sì
lo fecero grondante di bitume
piovvero inferno e sangue

il Capitano
s’accorsero nell’attimo d’un lampo
leggeva poesie sul cassero fiammante

o marinaio
mio marinaio
parodiava una voce di balena
arpione in gola
non suonare campane
il gelo ha già ghermito le tue braccia
e le ghirlande
barcollano battendo le fiancate

nessuno scenderà da questa nave



E scomodiamo perfino Vivaldi con le sue note:

23 commenti:

  1. Sempre affascinante e preziosa la poesia di Cri!
    E qui valorizzata dalla bellissima musica.
    Gio

    RispondiElimina
  2. Renzo, grazie della tua generosa ospitalità.
    i miei versi qui da te acquistano un'altra risonanza.
    te ne sono grata.
    anche della bellissima musica.

    grazie anche a Gio

    RispondiElimina
  3. wow che meraviglia cristina
    in qualunque veste ti cimenti riesci sempre ad emozionare :)

    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, alba,è emozionante anche comunicare emozione :-)

      Elimina
  4. Bellissima... mi ricorda tragedie di mare, come quella della Concordia o dei disperati che sbarcano a Lampedusa e spesso li ghermisce il mare.
    Bravissima Cristina, è sempre un piacere leggere le tue poesie.
    Maria Savasta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il rifermento è a qualunque nave il cui equipaggio dimentica la vita vera.
      perfino la poesia, può rappresentare un fallimento se il capitano si distrae.
      è il marinaio, allora e solo lui che, forse, può ancora salvare la nave.

      Elimina
  5. Sì, anche a me ha fatto subito pensare alla tragedia della Concordia, ma il capitano di Cristina, nel momento tragico, leggeva poesie: alquanto più nobile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Mimma, il Capitano si diletta mentre i suoi marinai stanno per morire.
      e nemmeno la voce della natura arpionata lo smuove, e tutto va a finire, come la vita-nave affonda e il suo capitano permette che avvenga.

      Elimina
  6. Ci siamo già tutti su quella nave e non ci permettono neppure di scendere e scoprire altre terre

    RispondiElimina
  7. Se nel nostro affondare ci accogliesse il mare (l'immenso), forse varrebbe la pena aver vissuto...
    BBB
    car

    RispondiElimina
  8. grazie ancora, Renzo
    buona serata
    cri

    RispondiElimina
  9. Quoto il commento di Mimma ho subito pensato come lei.
    Complimenti è bellissima.
    ♥ vany

    RispondiElimina
  10. Un naufragio davvero epico. E' bellissima. viva. fremente.

    franca

    RispondiElimina
  11. Quanta forza in questi versi!

    Annette

    RispondiElimina
  12. Di verso in verso si arriva alla conclusione, tragica e paradossalmente evitabile se chi ha la responsabilità maggiore facesse il suo dovere fino in fondo. Ma di questi tempi...
    Ciao, Cri, sempre brava!
    Piera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. proprio così,cara Piera.
      grazie della tua presenza.

      Elimina
  13. la nave sta per il corso della vita. C’è chi muore prima, chi dopo.
    Non sta a noi di scegliere quando. Solo la coscienza ci dice se abbiamo fatto il possibile per rendere questa vita priva o con meno colpe. La sua tragicità sta fuori discussione.
    Alla fine moriamo tutti e saremo tutti più o meno salvati o condannati a riprovare.
    Una poesia significativa, come lo sono tutte le tue poesie, Cristina, che leggo volentieri perché mi indicono a riflettere oltre le parole che leggo.
    Grazie,
    Lorenzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. con ritardo, Lorenzo, ti ringrazio e ti auguro buone giornate.
      cri

      Elimina